Vous êtes été magnifiques

Il mese di agosto 1944 è destinato a chiudersi con una netta vittoria garibaldina: Pigna (IM).  Il 29 agosto la V^ Brigata d’Assalto “Luigi Nuvoloni” della II^ Divisione “Felice Cascione” dopo uno scontro a fuoco con i nazisti entrò nel centro della Val Nervia tra la popolazione esultante.

p5a.brigata-mappa5

Rimasti in possesso del paese, i garibaldini organizzarono la sua difesa. Principalmente impegnati furono il 1° distaccamento, che presidiava Passo Muratone, il 5° distaccamento, di cui una parte occupava Pigna ed una parte Gola di Gouta, ed infine il 10°  distaccamento, rinforzato da una formazione S.A.P. di Castelvittorio (IM), che controllava la linea Monte Vetta-Monte Bonda.

I partigiani diedero al territorio libero di Pigna un ordinamento democratico sull’esempio di Montefiorino, riuscendo a salvaguardarlo per 40 lunghi giorni dagli attacchi tedeschi.

p5a.brigata-mappa6

Nel comando della Brigata “Luigi Nuvoloni” vi era anche Armando Izzo * (“Fragola-Doria“), che a proposito del libero territorio controllato dai suoi uomini ricorda: “Abbiamo avuto nella Resistenza la Repubblica di Domodossola, e nessuno ha parlato di quella di Pigna; eppure nulla ha da invidiare a quella di Domodossola per l’asprezza dei combattimenti e per la lunga resistenza opposta ai tedeschi“. Proprio nei giorni di fine estate 1944, proveniente dal Piemonte, transitava nella zona della “Libera Repubblica di Pigna” una missione alleata, la Missione Flap, formata da ufficiali inglesi e canadesi, diretta in Francia.  Gli alleati poterono assistere ad uno dei molti scontri di quei giorni tra i garibaldini ed i tedeschi. Il corrispondente di guerra canadese si congratulò – come rammenta Carlo Rubaudo, Storia della Resistenza Imperiese (I^ Zona Liguria). Vol. II. Da giugno ad agosto 1944, edito a cura dell’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Imperia, Imperia, Dominici Editore, 1992 –  con una bizzarra frase trilingue: “Vous êtes été magnifiques, una wery well bataille, viva garibaldini“.  Rocco Fava di Sanremo (IM),  La Resistenza nell’Imperiese. Un saggio di regestazione della documentazione inedita dell’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Imperia (1 gennaio – 30 Aprile 1945), Tomo I,  Tesi di Laurea, Università degli Studi di Trieste, Facoltà di Scienze della Formazione, Corso di Laurea in Pedagogia, Anno Accademico 1998 – 1999

[…] un’azione particolarmente fortunata, presso Bordighera, permette ai partigiani di impadronirsi di una notevole quantità di armi e munizioni. Pochi giorni prima avevano conquistato il controllo del valico del monte Vetta. Sono così in grado di sferrare una battaglia per Pigna, che […] passa sotto il diretto controllo delle formazioni garibaldine. Nella battaglia cadono molti partigiani e la V Brigata garibaldina si riduce a poco più di 200 uomini. Nel giro di un mese si arruolano 600 volontari, molti dei quali sono militi del battaglione San Marco che disertano la formazione fascista e si uniscono ai garibaldini, rivelandosi “ottimi combattenti partigiani”, come afferma la relazione del 5 ottobre 1944 dell’ispettore della zona [I^ Zona Liguria]. Sul documento non c’è traccia del nome dell’ispettore [con ogni probabilità si trattava di Simon, detto anche Manes, Carlo Farini] […] La stessa relazione informa delle gravi difficoltà nei rapporti con la formazione autonoma del maggiore “Mauri”, che ha la sua base in Piemonte, ma si estende fino alla Liguria… Il 20 settembre i rappresentanti garibaldini vengono invitati in Piemonte per incontrare la missione inglese [la qui citata Missione Flap], che si trova presso il comando Mauri. [ Verso la fine di settembre del 1944, a fronte del rafforzamento della presenza tedesca in Valle Impero e della scarsità di armi e di vestiario che affliggeva le formazioni partigiane dell’imperiese, Simon Carlo Farini, ispettore della I^ Zona Operativa Liguria, si recò in Piemonte per conferire con il maggiore inglese Temple, capo della missione alleata colà già insediata. Farini chiese l’invio, tramite avio lanci, di materiale bellico per i partigiani della II^ Divisione “Felice Cascione”, come già avveniva  per i partigiani [badogliani] del Piemonte. I lanci nel ponente ligure, tuttavia, iniziarono soltanto nel marzo del 1945… Rocco Fava, Op. cit. ]. La relativa relazione del 5 ottobre riferisce che il maggiore inglese si è dimostrato molto interessato alla documentazione delle azioni svolte dalle formazioni Garibaldi e ha dovuto constatare che “contrariamente alle informazioni che aveva ricevuto fino allora, la nostra era una vera e propria organizzazione militare dipendente da Comandi di regione e di zona, efficiente e capace di condurre azioni di una certa importanza”. La missione inglese assiste anche al tentativo fatto dai tedeschi di rioccupare Pigna, e alla brillante azione con cui i garibaldini li rigettano. La propaganda spietatamente anticomunista del maggiore Mauri viene così totalmente neutralizzata […]  1944 – Le Repubbliche Partigiane

[…] L’imboscata ad un autocarro tedesco che viaggiava tra VENTIMIGLIA e SAN REMO e la cattura di un archivio contenente documenti (circa 100 pagine di testo) e piani relativi ai campi minati sulle spiagge, alle fortificazioni litoranee, alle posizioni delle M.G. con relativi raggi d’azione e spazi di fuoco, ai cavi telegrafici lungo la principale strada costiera da SAN REMO ad IMPERIA e lungo la strada IMPERIA – PIEVE [Pieve di Teco (IM)]. I due ufficiali tedeschi e gli O.R. [O.R., other ramks, altri graduati] che viaggiavano sull’autocarro vennero allontanati ed in seguito fucilati.  Questi piani sono attualmente a PIGNA e possono essere ottenuti sia dai Comandanti LEO o MUSSO o da GUILDO LITTARDI [Luigi Littardi, vice sindaco di Pigna, della libera Repubblica di Pigna] all’Albergo Commercio. 
Noi ritenemmo di portare questo archivio con noi ma in secondo momento pensammo che sarebbe stato protetto solo da Sanremo e quindi era più sicuro lasciarlo nelle mani dei Partigiani. Era impossibile farne una copia a causa della natura intricata delle mappe. Il danneggiamento mediante esplosivi di ponti e strade nelle aree di PIGNA – TRIORA [(IM)] – PIAGGIA [(CN)]. L’esatta ubicazione è stata consegnata agli Americani a Nizza e al Maggiore H. GUNN, No.4 S.F. a Nizza. Prima del nostro arrivo le forze tedesche e fasciste operanti da ISOLABONA [(IM)] e DOLCEACQUA [(IM)] avevano tentato 3 volte senza successo di entrare a PIGNA. Durante il terzo attacco riuscirono a prendere un villaggio molto vicino a PIGNA situato nella stessa valle. Lo saccheggiarono e bruciarono. Durante il nostro soggiorno vennero fatti ulteriori due tentativi.  Come per il morale della 5° Brigata Partigiani [la V^ Brigata “Luigi Nuvoloni”] che opera in questa area PIGNA – COLLA – LANGAN [nel comune di Castelvittorio (IM)]  (quartier generale della Brigata).  La storia dell’ultimo attacco è un’indicazione interessante: per mezzo di un civile i tedeschi inviarono un ultimatum che diceva che avevano 300 granate per [da sparare contro] i partigiani se non si fossero ritirati da PIGNA. I partigiani rifiutarono di assentire ed a mezzogiorno i Tedeschi cominciarono [4 ottobre 1944] ad aprire il fuoco dalle colline che circondano PIGNA. Continuarono così durante il resto del giorno e ad intervalli durante la notte, e per tutta la mattina seguente. Usando air bursts [bombe “shrapnel”, che esplodono in aria] (88 mm) e granate italiane di circa 81 mm tentarono di mettere fuori combattimento le postazioni Partigiane, la cui posizione avevano individuato attraverso una spia Fascista. Durante questa operazione un partigiano fu ferito in un piede da una scheggia. Alle 13 i Tedeschi attaccarono, ma entro le 16 si ritirarono lasciando molti feriti e due morti. I Partigiani in quest’area sono armati con fucili e hanno 5 Breda LMG. In tutta l’operazione i partigiani si comportarono con calma risparmiando il loro fuoco (senza dubbio a causa della carenza di munizioni). Il giorno seguente si rivalsero attaccando ISOLABONA e catturando 2 mortai da 71 mm con diverse casse di bombe…  rapporto del capitano Geoffrey Long sulla Missione Flap, documento rintracciato a cura di Giuseppe Mac Fiorucci, autore di Gruppo Sbarchi Vallecrosia, ed. Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Imperia – Comune di Vallecrosia (IM) – Provincia di Imperia – Associazione Culturale “Il Ponte” di Vallecrosia (IM)

[…] Il rapporto del Ten. Col. Robert Peter McMullen, redatto il 23 maggio 1945, comandante della missione “Clover” (M.11) per la Liguria e la parte occidentale dell’Emilia, ci informa di come una missione dedicata alla Liguria di Ponente fosse stata pianificata nel settembre 1944, subito dopo l’operazione “Dragoon” […] A tal fine, la  N. 1 Special Force, la sezione italiana del SOE, organizzò l’invio di una missione, comandata dal capitano Robert C. Bentley, denominata “Saki”, che dal confine francese si sarebbe portata nella provincia di Imperia. Bentley avrebbe studiato la possibilità di approvvigionamenti alle forze partigiane via mare, e avrebbe cercato di collegarsi con la missione “Flap” che era già operativa nel Piemonte meridionale e al confine con la  provincia di Savona. […] Inizialmente la missione doveva essere paracadutata nella zona di Cuneo dove sarebbe stata contattata dal maggiore Temple della missione “Flap”, e successivamente avrebbe preso contatto con la 2° Divisione Ligure a nord di Imperia. La missione Flap era in contatto con le formazioni autonome del Maggiore Enrico Martini “Mauri” dell’Esercito di Liberazione  Nazionale. Ma siccome nelle intenzioni dei garibaldini imperiesi, dopo la ritirata delle forze nemiche, c’era l’occupazione delle città della Liguria occidentale da Albenga al confine francese, i compiti della missione erano militari (misure antistorch, cioè la protezione degli impianti, del  personale, delle infrastrutture dalle possibili distruzioni dei tedeschi) e politiche, cioè l’organizzazione successiva delle autorità amministrative, dei partigiani, il mantenimento dell’ordine pubblico in attesa dell’arrivo delle truppe alleate e dell’AMG. Le istruzioni operative descrivono dettagliatamente gli scopi, i metodi, la consistenza delle forze nemiche e dei partigiani, la presenza di altre missioni alleate, la politica da adottare con i partigiani, i mezzi finanziari di cui la missione avrebbe disposto, i collegamenti con la base. […]
Antonio Martino, La missione alleata “Indelible” nella II^ Zona Operativa savonese, pubblicato su Storia e Memoria, rivista dell’Istituto Ligure per la Storia della Resistenza e dell’età contemporanea di Genova, 2011-1

rastellamento-ott44-mp1

Il 4 ottobre 1944 ingenti forze tedesche attaccarono la Repubblica di Pigna. I partigiani della V^ Brigata respinsero l’assalto dopo alcune ore di lotta accanita. Il giorno successivo Pigna subì un furioso bombardamento che durò fino al tardo pomeriggio, diretto da batterie piazzate a Isolabona (IM).                  Rocco Fava, Op. cit.

Approfittammo della tregua per porre in salvo la missione alleata, la quale venne accompagnata fino ad un punto di ritrovo in prossimità del fronte germanico, ove le staffette già predisposte avrebbero dovuto guidarla, attraverso le linee nemiche, fino alla terra di Francia. Come fummo in seguito informati dal comando alleato, l’operazione venne effettuata con pieno successo e senza la perdita di un solo uomo. Durante la stessa notte [7 ottobre 1944] il nemico si pose in movimento.                                                         Mario Mascia, L’epopea dell’esercito scalzo, Ed. ALIS, 1946, ristampa del 1975

La grande battaglia che seguì si protrasse fino all’8 ottobre 1944, quando i partigiani, dopo una strenua resistenza e infliggendo gravi perdite al nemico, furono costretti a ritirarsi dal paese sulla linea Carmo Langan – Cima Marta. Iniziò così la ritirata strategica del grosso delle forze garibaldine della I^ Zona Operativa Liguria verso il Piemonte, terminata il 18 ottobre 1944 a Fontane, Frazione di Frabosa Soprana (CN). Dopo il ripiegamento dei partigiani della I^ Zona Liguria su Fontane, Frazione di Frabosa Soprana (CN)… 20 ottobre 1944… Nei primi giorni di permanenza a Fontane avvenne l’incontro tra il comandante Nino Siccardi (Curto) ed il maggiore inglese Temple (Wareski): “Curto” chiese un consistente aiuto militare per le sue formazioni: la riunione si concluse, tuttavia, con un nulla di fatto…                                                         Rocco Fava, Op. cit.

* Armando “Fragola Doria” Izzo (Afragola (NA), 12 giugno 1916 – Afragola (NA), 19 dicembre 2004). Si laureò in legge pochi giorni prima che venisse chiamato con la leva obbligatoria a combattere nella zona di Mentone con il grado di sottotenente. Cominciò subito a lavorare per il Tribunale Militare di Guerra della Quarta Armata a Breil-sur-Roya, e proprio grazie a questa esperienza cominciarono a maturare in lui forti dubbi sul momento politico italiano nel quale viveva. Dopo l’8 settembre 1943, avvenuto l’armistizio, con l’aiuto di partigiani francesi, Izzo riuscì a fuggire e, attraverso i passi alpini, giunse a Cima Marta e quindi passò a Triora (IM). Armando Izzo entrò nelle formazioni partigiane col soprannome di “Fragola Doria”. Fu chiamato “Fragola” perché di Afragola, “Doria” per il colore dei capelli, in realtà più rossi che dorati . Inizialmente fu inquadrato nella IX^ Brigata “Felice Cascione” comandata da Vitò [Giuseppe Vittorio Guglielmo, organizzatore di uno dei primi distaccamenti partigiani in provincia di Imperia, dal 7 luglio 1944 comandante della V^ Brigata Garibaldi “Luigi Nuvoloni”, dal 19 Dicembre 1944 comandante della II^ Divisione d’Assalto Garibaldi “Felice Cascione”] e successivamente nella V^ Brigata “Luigi Nuvoloni”. Partecipò a numerose azioni contro i nazifascisti come ufficiale alle operazioni. Distintosi per il coraggio e per lo sprezzo del pericolo, a dicembre del 1944 prese il comando della V^ Brigata, sostituendo Vitò, passato a dirigere la II ^Divisione “Felice Cascione”; tenne il comando fino alla Liberazione. Tra l’altro diresse l’attacco a Breil-sur-Roya, fece saltare il viadotto tra Digne e Nizza, appena ricostruito dai tedeschi, partecipò all’occupazione di Pigna, contribuendo alla nascita della Libera Repubblica di Pigna. Insieme a Silla [Ferdinando Peitavino di Isolabona (IM), come da circolare del comando della II^ Divisione del 29 gennaio 1945, vice commissario politico – in precedenza per l’appunto responsabile stampa e propaganda della V^ Brigata “Luigi Nuvoloni”] fu il creatore e l’animatore del giornale “Il Garibaldino”, stampato a Realdo, Frazione di Triora (IM): tra i redattori del giornale vi fu anche Italo Calvino, allora giovane aderente alla lotta partigiana proprio nella V^ Brigata. L’8 ottobre 1944 era stato ferito gravemente in località Prealba vicino a Pigna, durante uno scontro a fuoco con i tedeschi; ritenuto morto, furono celebrati i suoi funerali. Era stato invece trovato da abitanti del luogo e portato in una baita in alta montagna, dove fu curato… da Vittorio Detassis su Isrecim

Un diario di guerra del ponente ligure

Sul Diario di Guerra dell’Ing. Giuseppe Biancheri vi è da sottolineare che all’epoca dei fatti egli era giovanissimo: aveva 16 anni, abitava con la famiglia a Latte di Ventimiglia (IM), e studiava privatamente, non potendo, a causa della guerra, frequentare il primo anno di liceo classico al quale si era iscritto.

Nel suo Diario ha annotato puntualmente e scrupolosamente tutto ciò di cui è stato testimone diretto, a cominciare dal bombardamento aereo di Mortola e Latte del 25 agosto 1944,  fino all’evacuazione di Ventimiglia da parte delle truppe francesi di occupazione, avvenuta l’11 luglio dell’anno dopo.

Il Diario  – che non ha naturalmente la pretesa di essere una cronaca completa di quanto successe in quei mesi  – segue le vicende della famiglia Biancheri che, dalla frazione del Ponente, sfolla a Ventimiglia, da qui a Bordighera ed, infine, a Ospedaletti. E questo, fra i molti altri, è un ulteriore pregio del documento  perché in esso si rispecchiano le vicissitudini di molte famiglie che, in quel tremendo periodo, forzatamente si trasferiscono verso i centro orientali  della Zona Intemelia  allo scopo di allontanarsi il più possibile dall’inferno dei bombardamenti.

Una speranza, anche questa, come quella della prossima liberazione, in qualche caso tragicamente delusa. Lo dimostra, ad esempio, il fatto che le vittime dell’incursione aerea del 5 marzo 1945 su Ospedaletti furono, in gran parte, cittadini ventimigliesi, colà profughi alla ricerca della salvezza. Ma, ciò che più sorprende, nelle pagine di questo Diario, oltre alla tacitiana laconicità degli appunti, è il pacato distacco dagli avvenimenti che l’Autore si limita a fissare sulle pagine di un quaderno con uno stile puntigliosamente telegrafico, senza mai nulla concedere alle emozioni o alle impressioni personali.

Alla data dell’11 settembre, ad esempio, scrive: Bagno sotto i tiri e il 14 dello stesso mese: Vendemmia, la mattina, con aeroplani. Due brevissimi flash per dirci che la vita, con le sue esigenze, continuava, malgrado l’eccezionalità del momento.

Discendente di una famiglia di radicate tradizioni marinare (nella sua parentela si contano alcuni ammiragli), l’Ing. Biancheri è particolarmente attratto dagli aspetti marittimi di quella monotona guerra che si accanisce contro un paese distrutto.

Armato di binocolo, e con l’aiuto dell’Almanacco Navale  – scovato nella biblioteca di famiglia  – riesce imperturbabilmente ad individuare la nazionalità, il tipo, la classe armamento delle  navi  a che, quasi ogni giorno, scaricano sulle rovine di Ventimiglia loro rituali bordate. Ma lo spirito dì osservazione e di precisione dell’Autore va oltre: sulle pagine del Diario esegue, a matita, gli schizzi di alcune delle navi da guerra che fanno spesso la loro apparizione nelle acque antistanti la nostra zona, una delle quali, l’incrociatore francese Emil Bertin, dimostrava particolare assiduità.

Alla fine di ogni mese, Biancheri, con la precisione di un contabile, tira le somme dei bombardamenti navali ed aerei.

Trascura quelli terrestri, talmente frequenti e di ordinaria amministrazione che nemmeno la sua rigorosa contabilità sarebbe riuscita a registrare. Renzo Villa

1944

Agosto

VENERDÌ 25 – Bombardamento aereo di Latte e Mortola [Frazioni di ponente di Ventimiglia (IM)]. Prima notte al rifugio (27 persone).

MARTEDÌ 29 – Bombardamento aereo al Forte – Riccardo Bargioni ferito lievemente.

MERCOLEDÌ 30 – Mitragliamento al Ponte del Butassu [a Latte]. Macchina tedesca incendiata.

Settembre

VENERDÌ 1° – Fuga della Milizia e sacco della Casa Rossa (Paraixu Russu) [località di Ventimiglia (IM)]. Si avvista, per la prima volta, il caccia. Gli americani a Olivetta [Olivetta San Michele (IM), in Val Roia]?

dggbc1
Fonte: Cumpagnia d’i Ventemigliusi

MARTEDÌ 5 – Assistiamo, dalla galleria della Mortola, al cannoneggiamento di Mont Agel da parte dell’I.L. Emile Bertin e di 2 C.C.T.T. [I.L. e C.T. abbreviano rispettivamente Incrociatore Leggero e Cacciatorpediniere]

MERCOLEDÌ 6 – Lungo mitragliamento da parte dell’aereo catapultabile su Punta Mortola e Punta Beniamin [località di Ventimiglia (IM)]. Giungono i tedeschi nel nostro giardino per impiantare uno scivolo.

GIOVEDÌ 7 – Arrivano gli autocarri tedeschi. Il muro al mare, vicino al terrazzo, alcuni pilastri e il cancello rosa fatti saltare; incomincia la costruzione dello scivolo. Partenza di una parte dei Bargioni.

VENERDÌ 8 – La costruzione dello scivolo rallentata dal mare grosso. Un trattore, per errore, schianta il cancello sulla strada. Posizioni, in Francia, cannoneggiate dall’I.L. Dugay Trouin. Partenza dei rimanenti Bargioni.

SABATO 9 – Primo giorno che andiamo alla casa giù. Un C.T. bombarda Bellenda [altura sovrastante la Frazione, di ponente, Latte di Ventimiglia (IM)]. Conversazione con un tedesco sulle nuove armi. Undici corvette, protette da 2 C.T. e un I.L. cannoneggiano posizioni sopra Ventimiglia e Bordighera.

DOMENICA 10 – Le stesse navi della sera precedente tirano su Forte San Paolo [a ponente del centro storico di Ventimiglia]. I tedeschi non tornano nella mattinata e gli ultimi rimasti partono definitivamente. Marinai tedeschi cercano MAS a Punta Beniamino con feriti. La sera un C.T. bombarda Nervia e Capo Ampelio.

LUNEDI 11 – Posizioni tedesche sui monti bombardate dalla corazzata Lorraine. Bagno sotto i tiri. Un C.T. bombarda per un’ora Punta Mortola e Punta Arma [località di Ventimiglia (IM)].

MERCOLEDÌ 13 – Proiettili, non si sa da dove, cadono da Gaetano [in Frazione Latte] e davanti a casa nostra.

GIOVEDÌ 14 – Vendemmia, la mattina, con aeroplani. Verso le 13 un C.T. lancia proiettili sulla Mortola, vicino alla Vedetta e da Carlo. Verso sera compare un I.L. americano tipo Savannah.

VENERDÌ 15 – La mattina continua la vendemmia. Bagno con aeroplani. Si fa sgomberare la popolazione di Sealza [Frazione di Ventimiglia (IM)]. Un soldato tedesco avvisa che verrà un ordine di sfollamento.

SABATO 16 – Ordine, per Latte, di sfollare entro le 20. Fiasco della commissione che cerca di evitare lo sgombero. Partenza degli Orengo e dei Queirolo-Ammirati. Verso le 21 salta la galleria di Acquarone.

DOMENICA 17 – Il Federale ottiene il rinvio dello sgombero fino a martedì sera. La sera, ordine di sgombero a Ciotti e Grimaldi [località di Ventimiglia (IM)].

LUNEDI 18 – Notizie contraddittorie sullo sfollamento. Partenza delle Guerraio e dei Maccario, verso sera.

MARTEDÌ 19 – Partenza dei bambini Notari in camion, sotto la pioggia. La galleria della Mortola viene evacuata, Giuseppina va nella galleria di Boccanegra [località di ponente di Ventimiglia (IM)].

MERCOLEDÌ 20 – Verso le 9 partono i Notari. Durante il giorno si svina e si cerca di recuperare le tavole dello scivolo. All’imbrunire partenza. Arrivo a Palazzo Galleani [centro storico di Ventimiglia (IM)].

GIOVEDÌ 21 – Giornata trascorsa a Ventimiglia. Verso le 19.30 partenza per Bordighera. Arrivo a Villa Elisa.

MARTEDÌ 26 – Diciotto bimotori attaccano obiettivi nella Val Roia.

GIOVEDÌ 28 – Proiettili vicino al Continentale diretti al cannone di Villa Ortensia [in Bordighera (IM)]. (C.T. inglese tipo Greyound).

VENERDÌ 29 – Fra le 13 e le 16 bombardamento navi zona centrale di Bordighera.

SABATO 30 – Ci trasferiamo alla Pensione Bellavista [in Bordighera (IM)]. Un C.T. bombarda Latte.

Ottobre

SABATO 7 – Il Signor Notari si reca a Latte da dove sono partiti anche quelli che avevano il permesso. Dice che la casa era aperta e tutti gli oggetti fuori posto.

GIOVEDÌ 12 – Bombardamento di Bordighera da parte di una Corvetta (ore 17.30).

SABATO 14 – Bombardamento di Bordighera da parte di un C.T. (ore 16).

VENERDÌ 20 – Sanremo bombardata per due ore da un C.T. protetto da corvette.

SABATO 21 – Un deposito di munizioni nel Mercato [di Ventimiglia?] salta in aria. Sig. Notari e Sig. Romanoni feriti a Ventimiglia.

LUNEDI 23 – Bordighera bombardata per mezz’ora fra le 12.30 e le 13.

MARTEDÌ 24 – Batteria tedesca a Villa Ortensia [in Bordighera ] bombardata per tre quarti d’ora, alle 9.30 da un I.L. La sera 2 C.T. bombardano Ventimiglia.

GIOVEDÌ 26 – Compare l’I.L. Jeanne d’Arc. Un C.T. francese danneggiato?

SABATO 28 – Ventimiglia cannoneggiata per due ore dall’E. Bertin e da 2 C.T. Mitragliamento su Bordighera, Sospello [Sospel, Val Bevera, dipartimento francese delle Alpi Marittime, tragico teatro dell’eccidio da parte dei nazisti di 11 partigiani italiani e di 4 partigiani francesi nell’agosto del 1944], Castellar [vicino a Mentone, e, dunque, sul confine italo-francese, dipartimento delle Alpi Marittime], Latte e i monti Grammondo e Longoira, evacuati dai tedeschi.

LUNEDI 30 – Colla Sgarba e la foce del Nervia bombardati dall’E. Bertin, ore 15.30 – 16.30 circa.

Novembre

MERCOLEDÌ 1° – La stazione radiotrasmittente di Bordighera bombardata da un C.T.

SABATO 4 – Un C.T. bombarda Bordighera per l’ottava volta, alle 13 circa.

DOMENICA 5 – Bordighera bombardata per la nona volta alle 15 circa.

LUNEDI 6 – Bordighera bombardata per la decima volta alle 15 circa.

MERCOLEDÌ 8 – Un I.L. tipo Galissonière (?) bombarda, dalle 10.30 alle 12.30, la Valle Roia.

GIOVEDÌ 9 – Un I.L. tipo Galissonnière (?) bombarda, dalle 9.30 alle 14.30, la Valle Roia.

VENERDÌ 10 – Breil [Breil-sur-Roya], Fontan e Saorge [tutti e 3 comuni della Val Roia francese, dipartimento delle Alpi Marittime] evacuati dai tedeschi (?).

MERCOLEDÌ 15 – L’artiglieria terrestre bombarda Bordighera (11a volta), ore 9. Alle 21.30 bombardamento navale su Vallecrosia.

VENERDÌ 17 – La Valle Roia e la Val Nervia bombardate da un I.L. dalle 9 alle 14.

LUNEDI 21 – Sanremo bombardata da un C.T.

LUNEDI 27 – La Val Nervia bombardata dal Jeanne d’Arc.

Dicembre

LUNEDI 4 – Comincia lo sgombero della popolazione di Ventimiglia.

MARTEDÌ 5 – Ventimiglia bombardata a 3 riprese da C.C.T.T.

SABATO 9 – Il Jeanne d’Arc bombarda la Val Roia.

MERCOLEDÌ 13 – La strada tra Ospedaletti e Bordighera bombardata da un C.T.

GIOVEDÌ 14 – Il Jeanne d’Arc bombarda Ventimiglia.

1945

Gennaio

LUNEDÌ 1° – Granate terrestri a Bordighera, in via Lagazzi e alla stazione, alle 12 circa.

SABATO 6 – Nervia [zona di levante di Ventimiglia] bombardata da un I.L. tipo Galissonière.

DOMENICA 7 – Nervia bombardata dall’I.L. Emile Bertin. Sanremo bombardata da 8 aerei alle ore 15.30.

MERCOLEDÌ 10 – Sanremo bombardata da 4 aerei alle 15.

GIOVEDÌ 11 – Alle 11 circa, via Lagazzi [Bordighera] bombardata dall’artiglieria terrestre. Verso le 13.30 il bombardamento viene ripetuto prima da terra e poi da un C.T. (15a volta).

VENERDÌ 12 – Granate di terra cadono sotto al Bellavista, alla Villa Regina Margherita, ore 11.30. Altre granate, alle 17.30 circa, alla Banca Commerciale.

SABATO 13 – Ore 22.30, qualche granata su Bordighera Alta.

DOMENICA 14 – Alle 10,30, i forti bombardano la zona di via Lagazzi. Fra le 14 e le 17, Bordighera viene bombardata in due riprese dalle navi (16a e 17a volta).

LUNEDÌ 15 – Due LI. L.L. tipo Galissonière e un C. T. bombardano, verso le 14, Imperia e Sanremo e, fra le 15 e le 17, Bordighera (18a volta).

MARTEDÌ 16 – Partenza per Ospedaletti.

MERCOLEDÌ 17 – Alle 10, otto cacciabombardieri attaccano il porto di Sanremo.

LUNEDÌ 29 – Ore 14, un I.L. tipo Galissonière bombarda Sanremo e Villa Helios.

(in Gennaio: 29 bombardamenti navali)

Febbraio

MARTEDÌ 6 – Ore 11, il centro di Bordighera e la Via dei Colli bombardata da caccia-bombardieri. [ Il 6 febbraio 1945 Bordighera venne fatta oggetto di un bombardamento aereo che non colpiva alcun obiettivo militare. Di contro un ordigno cadeva nei pressi del Municipio provocando la morte di 3 persone. Nel bombardamento del giorno successivo una bomba sganciata vicino all’ospedale causava la morte di un civile... Rocco Fava di Sanremo (IM), La Resistenza nell’Imperiese. Un saggio di regestazione della documentazione inedita dell’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Imperia (1 gennaio – 30 Aprile 1945) – Tomo I – Tesi di Laurea, Università degli Studi di Trieste, Facoltà di Scienze della Formazione, Corso di Laurea in Pedagogia – Anno Accademico 1998 – 1999  ]   Ore 12 – 12.30: Sanremo bombardata dal Jeanne d’Arc. Passaggio di bombardieri.

MERCOLEDÌ 7 – Bordighera e Coldirodi [Frazione di Sanremo (IM)] bombardate da cacciabombardieri verso le 10.30.

DOMENICA 11 – Attacco di cacciabombardieri su Dolceacqua [in Val Nervia], ore 10.30. Sanremo mitragliata (ore 15.30).

LUNEDÌ 12 – La Valle Nervia bombardata da cacciabombardieri.

MARTEDÌ 13 – Sanremo bombardata da aerei (ore 10.30).

MERCOLEDÌ 14 – Ospedaletti bombardata da un I.L. (14.30-15.30). Aerei bombardano Sanremo (ore 14).  [  16 febbraio 1945 – Dal comando della V^ Brigata “Luigi Nuvoloni” della II^ Divisione “Felice Cascione“, prot. n° 286, al Comando Operativo della I^ Zona Liguria – Integrava le notizie pervenute dal C.L.N. di Sanremo, prot. n° 298/SIM, comunicando che il 14 febbraio otto aerei alleati avevano sganciato 7-8 bombe cadute nella parte centro-orientale della città: 3 bombe sono cadute in Via Giusti, angolo Via Volta, distruggendo una casa e uccidendo 2-3 persone, 2 bombe sono cadute in fondo a Via San Martino senza causare vittime e senza colpire alcun obiettivo militare, infine, altre 2 bombe sono cadute nei gardini della Villa del Soleda documento Isrecim in Rocco Fava, Op. cit., Tomo II  ]

MERCOLEDÌ 21 – Dolceacqua e Sanremo bombardate da aerei (ore 10.30).

MERCOLEDÌ 28 – Aerei bombardano a quattro riprese, tra le 14 e le 16.

(in febbraio: 43 bombardamenti navali, 16 bombardamenti aerei)

[  7 marzo 1945 – Dalla Federazione provinciale di Imperia del PCI al Triumvirato Insurrezionale del PCI per la Liguria – Comunicava che i “bombardamenti alleati sulla zona San Remo-Bordighera erano giornalieri“; che oltre agli aerei spesso erano navi a cannoneggiare … “ [in provincia] la paura quotidiana dei bombardamenti”…  da documento Isrecim in Rocco Fava, Op. cit., Tomo II  ]

Marzo

GIOVEDÌ 1° – Un incrociatore spara su Vallecrosia e Ventimiglia.

madonna.ruota-fine.30_pr
La zona di Madonna della Ruota in una fotografia di fine anni 1930

VENERDÌ 2 – Un I.L. (Galissonière e due caccia-bombardieri attaccano Bordighera, Arziglia [nel comune di Bordighera (IM)] e Madonna della Ruota [nel comune di Bordighera (IM), ma più vicino ad Ospedaletti (IM)] tra le 13.15 e le 15.15. Il Jeanne d’Arc e un altro I.L. tipo Galissonière sparano su Bordighera (16 e 17 rispettivamente). Sanremo bombardata dal primo incrociatore (ore 17) e da aerei (15). Quattro aerei bombardano Ospedaletti.

SABATO 3 – Ospedaletti attaccata verso le 12 da 1 o 2 aerei.

DOMENICA 4 – Bombe sganciate in mare presso Ospedaletti a 3 riprese.

LUNEDÌ 5 – 24 bombardieri medi e 8 caccia-bombardieri attaccano con bombe da 500 Kg la zona orientale di Ospedaletti (14.30-15). Parte dell’Albergo Svizzero crolla. Si dorme dai Vota.

[   8 marzo 1945 – Dal CLN di Sanremo, prot. n° 400/SIM, alla Sezione SIM della V^ Brigata ed al “capitano Roberta” [capitano del SOE britannico Robert Bentley, ufficiale di collegamento degli alleati con il comando partigiano della I^ Zona Liguria] – Nella comunicazione si procedeva ad una parziale rettifica delle informazioni inviate il giorno precedente circa gli effetti dell’ultimo bombardamento aereo alleato su Sanremo, quello del 5 marzo, precisando che gli aerei impiegati erano 24 bimotori e 8/10 caccia, i quali avevano agito in 4 ondate successive, e che i morti accertati erano 4, di cui 4 SS e collaboratori dei tedeschi, una bambina ed una donna.

8 marzo 1945 – Dalla Sezione SIM della V^ Brigata, prot. n° 323, al Comando Operativo della I^ Zona – Comunicava le notizie ricevute dal CLN di Sanremo circa il bombardamento del 5 marzo nella zona di Sanremo e Ospedaletti.

da documenti Isrecim in Rocco Fava, Op. cit., Tomo II   ]

MARTEDÌ 6 – La giornata passata alla galleria di Sanremo.

GIOVEDÌ 8 – La giornata passata alla galleria di Madonna della Ruota [Bordighera]. Ore 15, bombe sganciate in mare presso Ospedaletti.

VENERDÌ 9 – Ore 15-18: bombardieri attaccano la zona orientale di Ospedaletti.

SABATO 10 – Due bombe sganciate in mare presso Ospedaletti (ore 10.15).

MARTEDÌ 13 – Ospedaletti bombardata da 8 aerei in picchiata (ore 14.45).

DOMENICA 18 – Rastrellamento nella galleria di Bordighera.

MARTEDÌ 20 – Sanremo e Ventimiglia bombardate da un I. L.

MERCOLEDÌ 28 – Vallecrosia attaccata da caccia-bombardieri (ore 15).

Aprile

DOMENICA 1° – Pasqua.

MERCOLEDÌ 4 – Quattro aerei attaccano Villa Helios (ore 19.30).

GIOVEDÌ 5 – Quattro aerei bombarda­no Vallecrosia (ore 14.40).

VENERDÌ 6 – Vallecrosia attaccata ancora.

DOMENICA 8 – Ospedaletti bombardata da quattro aerei. (ore 16.30)

MARTEDÌ 10 – Due I.I.L.L. bombardano, a più riprese, Ventimiglia e la Val Nervia. Bombe sganciate in acqua presso Bordighera dagli aerei di scorta (ore 11.35).

GIOVEDÌ 12 – Ventimiglia e Vallecrosia bombardate da 4 aerei (ore 10.15). Un I.L. tipo Leander cannoneggia Sanremo (ore 17 circa). Anche nella notte (22.15) unità navali sparano sulla città.

DOMENICA 15 – Alle 03.15 bombardamento navale su Sanremo. Dalle 6.30 in poi unità navali sparano su Ventimiglia e la Val Nervia.

VENERDÌ 20 – La radio annuncia l’occupazione francese di Breil.

DOMENICA 22 – La radio annuncia il forzamento della frontiera franco-italiana.

LUNEDÌ 23 – I tedeschi e i fascisti sgombrano rapidamente la costa fra Ventimiglia e Sanremo. Tre aerei mitragliano carriaggi tedeschi a Ospedaletti (ore 13 circa). Ore 15: compaiono due I.I.L.L. tipo Galissonière, uno dei quali bombarda Sanremo.

MARTEDÌ 24 – I patrioti occupano Coldirodi e Sanremo. Ospedaletti sgombrata dai tedeschi. Verso sera, scontri, a Sanremo, fra tedeschi e partigiani.

MERCOLEDÌ 25 – Nella notte alcuni tedeschi, tornati indietro, fanno saltare il ponte presso Ospedaletti, che viene occupata dai patrioti alle 6.45. Bombardamento navale su Sanremo e aereo su Bordighera (ore 15 circa). Un aereo da ricognizione ammarato per errore nel Roia. Il pilota informa gli alleati sulla situazione. La sera pattuglie francesi entrano a Ventimiglia.

GIOVEDÌ 26 – Reparti dell’8^ divisione francese occupano stabilmente Ventimiglia.

VENERDÌ 27 – Bordighera, Ospedaletti e Sanremo occupate da reparti senegalesi.

SABATO 28 – 34 unità navali appoggiano lo sbarco a Sanremo (ore 12).

Diario di guerra, steso da ragazzo, dall’ing. Giuseppe Biancheri, pubblicato su LA VOCE INTEMELIA anno XXXIX n. 10  ottobre 1984 e n. 11 novembre 1984, qui ripreso da Cumpagnia d’i Ventemigliusi

Infine, può risultare interessante mettere a confronto quanto sopra pubblicato con alcuni stralci da un altro memoriale, precisamente da Caterina Gaggero Viale, Diario di Guerra della Zona Intemelia 1943-45, Edizioni Alzani, Pinerolo, 1988:

1944

6 settembre – Stamattina un biplano ha mitragliato per un bel po’ di tempo la motozattera incagliata a Capo Mortola. Abbiamo la flotta sempre in vista e ogni tanto si assiste a battaglie tra navi e batterie di terra. Corre voce che gli Alleati siano in Montecarlo e che abbiano già occupato parte del Belgio e dell’Olanda.  Questa sera alle 18.30 hanno fatto saltare la strada ferrata al confine. Pure la via Aurelia è stata buttata all’aria vicino a Ponte San Luigi, dalla cavetta della Stella. Ormai siamo in prima linea.

14 ottobre – Quarta giornata senza pane. Certo che quello che ci danno, 75 grammi al giorno, è quasi come niente. Armando, con diversi compagni, lavora per portare damigiane di vino a Ventimiglia da Galvani. Il prezzo del trasporto è di lire 10 al litro. Oggi mi sono alzata e sto benone. Il tempo è bello, ma il cannone ha tuonato continuamente sia dalle navi che dalla Francia. Scariche di colpi si sono abbattute su Ventimiglia Alta, in piazza della Rocchetta e sulla chiesa di San Francesco, vicino all’Oratorio dei Neri e nel Borgo. La nostra cittadina è ridotta quasi ad un cumulo di macerie. La Micheletta è morta in galleria.

1945

1° febbraio – Notte quasi completamente in bianco. Sul calar della sera, i tedeschi hanno fatto il solito baccano qui sotto alla Marina e, a mezzanotte meno un quarto, li sentiamo camminare e poi colpire accanitamente, col calcio del fucile, la nostra porta. Ada si è alzata ed è andata ad aprire. I tedeschi hanno perquisito alla meglio la nostra abitazione e, visto che non c’erano uomini, sono andati a bussare alle porte del vicinato portandosi via quelli che trovavano. Sabino, Italo, Ricca, Scarpetta, Bono, il figlio di Leone Calsamiglia e, infine, quasi tutti quelli che hanno avuto la disgrazia di non potersi nascondere sono stati presi. Giulin Toscano è riuscito a farsi chiudere in un armadio. Ada, stamane, è dovuta andare dalla Milizia perché volevano informazioni riguardo al figlio di Giunti.

1° aprile, Pasqua – Ada si è alzata prestissimo ed è subito partita per Bordighera. Sono stata molto in ansia perché le navi hanno sparato a lungo. Si continua a parlare di pace, ma noi siamo sempre allo stesso punto, sotto bombardamenti incessanti. Possiamo paragonarci a Cassino, se addirittura non saremo peggio.